“Gli anni” di Annie Ernaux

Pubblicato nel 2008 in Francia, ” Gli anni” arriva in Italia grazie a l’Orma Editore che pubblica tutti i romanzi della scrittrice francese Annie Ernaux, vincitrice del premio Strega Europeo nel 2016 con questo “romanzo- mondo” in cui storia colletiva e storia individuale si fondono fino a formare un amalgama completo e interessante.

Con “Gli anni”, ci sembra di sfogliare un album fotografico in cui vecchie foto ingiallite raccontano di un tempo vissuto e passato, di volti esistiti e scomparsi . E’ grazie ai racconti che riemergono fatti, nomi e generazioni che hanno segnato per sempre un’epoca e il flusso incontrollabile dei ricordi viene immobilizzato grazie alla lingua che “mette il mondo in parole”.

La scrittrice passa in rassegna i diversi ambiti dell’esistenza (famiglia, scuola, religione, sesso) e ne mostra l’evoluzione e i cambiamenti con il volgere dei decenni.

La grande protagonista è la guerra di cui si racconta durante i pranzi domenicali quando la famiglia, raccolta intorno ad una tavola, ridà forma ad un tempo concluso e ad eventi ormai privi di ogni forza. Ciò che viene narrato è ciò che si è realmente vissuto: “Parlavano solo di ciò a cui avevano assistito, ciò che poteva essere rivissuto mangiando e bevendo. Non avevano abbastanza talento o convinzione per raccontare ciò che sapevano ma che non avevano visto con i loro occhi”.

Dopo la guerra, e nei decenni successivi, la lentezza viene soppiantata dalla voglia incontenibile di fare, di conoscere e possedere: “Il susseguirsi sempre più rapido degli oggetti faceva indietreggiare il passato. Le persone non si chiedevano più a cosa servissero le cose, avevano semplicemente voglia di possederle e soffrivano di non guadagnare abbastanza per potersele permettere subito”.

E poi gli anni sessanta ei suoi moti di ribellione fortemente voluti e sostenuti da figure femminili che non si riconoscono più in immagini del passato ma che si costruiscono una nuova dignità e un nuovo modo di stare al mondo: “il 1968 era il primo anno del mondo” si specifica nel romanzo .

Gli anni settanta e ottanta con i grandi centri commerciali, la pubblicità, i filmini, i videoregistratori, i compact disc, il telecomando e le videocassette fino al XXI secolo con i media , il web, youtube e l’11 settembre, data spartiacque che ha per sempre cambiato la percezione del pericolo.

La narrazione è affidata ad un “noi”, ad una percezione comune di fronte ad eventi epocali che trasformano la società intera ma anche le vite dei singoli.

“Ho cominciato a pensare a questo libro nel 1985, a scriverlo dieci anni dopo per poi lavorarci tutti i giorni dal 2002 al 2007″, racconta la scrittrice,”siamo dentro e fuori della società, in bilico. Spero che questo libro abbia un respiro europeo.”

Autrice: Annie Ernaux

Edizioni: L’Orma

Traduttore: Lorenzo Flabbi

06.Anni:Swatch2

Il tempo è il grande protagonista di queste pagine. Inesorabile, beffardo, consolatorio, qualunque aggettivo gli si voglia attribuire con il tempo ognuno di noi è costretto a fare i conti. Il tempo passato lo portiamo addosso, nei nostri lineamenti che man mano mutano, e quello futuro traspare in alcuni nostri sguardi che si illuminano improvvisamente di entusiasmo di fronte ad un progetto o ad un’idea da realizzare.

A questo punto tanto vale provare ad indossarlo, con un oggetto ironico, iconico, anche lui modificatosi nel corso degli anni e delle mode: un orologio Swatch.

Il modello Helicopter è perfetto da abbinare a questo libro anche per quel suo gusto vagamente militare. Ne verrà fuori un regalo perfetto per un amico con cui ricordare i bei momenti passati insieme.

06.Anni:Swatch3

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: